Blog: http://amichedelginlemon.ilcannocchiale.it

si vuole sempre quello che non si può ottenere.


 
Noi donne siam così. Vogliamo sempre quello che non possiamo avere. Un vestito più bello di quello della tua amica, la vita, il profumo, l'uomo della tua amica. Il primo consiglio sarebbe cambiare compagnia. Ma essendo noi delle autolesionsite di prima categoria, crediamo fortemente che tutto si possa comprare o barattare tranne le amicizie.
Questo non è totalmente sbagliato ma nemmeno universalmente legittimo. Le persone si comprano non tanto con i soldi (in quel caso si definiscono  "meretrici" e "cacciatori di dote") quanto con i gesti. Non parlo di fatti eclatanti ma di atteggiamenti fisici e mentali che portano qualcuno ad essere "venerato" da altri, che mettono in una condizione di superiorità, la maggior parte delle volte innata e non costruita. Non necessariamente, poi, questo stato di grazia, corrisponde ad un'avvenenza fisica. Anzi. La maggior parte delle volte veniamo attratte come calamite da uomini non belli quanto carismatici o particolari. è incredibile, poi, come solo TU e l' "Eletto" sembriate consapevoli di questa situazione: tutte le tue amiche ti dicono che nemmeno con un bacchetto si farebbero toccare da quello lì. Tu sgrani i tuoi occhi a cuoricino e mediti su come siamo delle sventurate galline in un pollaio di tacchini strambi: tutte vanno dietro al gallo che va dietro solo...a se stesso.

Così, più di una volta, nella mia gioventù (........) mi son ritrovata a volere ragazzi che non mi volevano perchè...bho. perchè ero troppo bionda, perchè c'era qualcuna prima di me, perchè ero troppo...troppo. E più che questi ti respingono e più che tu li vuoi.
Fortunatamente l'educazione datami dall'Oratorio e da anni di Beautiful mi ha insegnato a non implorare niente se non il perdono celeste. Quindi mai, nessun uomo (e parlo di uomo inteso come "essere vivente munito di gambe"), mi ha vista, nè mai mi vedrà, strisciare!
La giustificazioni più accreditate sono le sempre verdi "lucaeragaymaorastaconlei" , dove LUCA può essere sostiuito da qualsiasi nome maschile, e "chinonmivuolenonmimerita", la mia preferita per la sua incredibile carica autoconfortante.
Niente mazzi di fiori a san valentino, niente messaggini della buonanotte, nè imbarazzanti dichiarazioni pubbliche. Niente cornetti CuorediPanna e serate al karaoke.

Ora, più vicina ai trenta che ai venticinque, tutto quello che voglio è un cremino e, fortunatamente, il freezer dell'ufficio da sempre le sue soddisfazioni.
Cristiana

Pubblicato il 28/7/2009 alle 14.11 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web